Regione Veneto
18 gennaio 2022

TRAPIANTI. REPORT NAZIONALE, VENETO DA RECORD. ZAIA, “528 VITE SALVATE NEL 2021 IN PIENA PANDEMIA. ORGOGLIO E GRATITUDINE PER DONATORI E SANITARI”

Comunicato Regione Veneto n° 112

(AVN) Venezia, 18 gennaio 2022



“L’ho sempre sostenuto, e i dati ora lo confermano: la sanità veneta non è disposta ad arrendersi nemmeno di fronte a un mostro come la pandemia e, nel 2021, ha saputo aumentare la sua quota di trapianti d’organi e tessuti. Siamo sul podio nazionale dietro la sola Lombardia (con una popolazione circa il doppio di quella veneta), con 528 trapianti eseguiti di cui 454 da donatore deceduto e 74 da donatore vivente. E’ un record che dedico con orgoglio alle famiglie dei donatori e all’intera macchina trapiantistica veneta, una catena virtuosa di alte professionalità che porta, alla fine, a salvare una vita”.



Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta i dati inediti sull’andamento dei trapianti in Veneto 2021, anche alla luce della pubblicazione del Report del Centro Nazionale Trapianti.



Buone notizie anche sul fronte delle donazioni, che sono state 147, con il tasso di donatori per milione di popolazione a 30,1 (uno 0,6 in più rispetto al report nazionale e con una percentuale di opposizione alla donazione del 18,8%, che è la più bassa d’Italia.



“Ciò significa – aggiunge Zaia – che i veneti sono un popolo generoso e ricco di valori, che sa cosa significa donare a una persona una nuova possibilità di vita e si comporta di conseguenza, con il poderoso aiuto del volontariato di settore e degli specialisti che assistono le famiglie nel difficilissimo momento della decisione a donare”.



Sul piano delle difficoltà tecniche, i chirurghi veneti si sono resi protagonisti anche di dieci prelievi di organo a cuore fermo (di enorme complessità), dei quali cinque a Padova e cinque a Verona dove proprio lo scorso anno, nonostante la pandemia, è stato attivato un nuovo centro.



I principali organi trapiantati nel 2021 in Veneto sono stati. Rene (320 trapianti di cui 248 da donatore deceduto e 72 da donatore vivente); Fegato (137 trapianti di cui 135 da donatore deceduto e 2 da vivente); Cuore (45); Pancreas (19); Polmone (25).



“Solo numeri? – conclude Zaia – no, perché a ogni singolo intervento corrisponde una vita salvata o restituita a una qualità superiore”.
Fonte: Regione Veneto